Home   -   Sitemap

Convenzione Cassaintegrati

Sei in: - Home - Novità - Convenzione Cassaintegrati

Convenzione Cassaintegrati

Convenzione per la concessione delle anticipazioni cigs e cigod ai lavoratori cassaintegrati residenti sul territorio di competenza della Bcc di Bellegra

Download allegato >>>

Le misure contro la crisi economica

CONVENZIONE CON I LAVORATORI IN REGIME DI CASSAINTEGRAZIONE

La BCC di Bellegra, a fronte della situazione economica in atto nel Paese è consapevole nel rendere opportuna la convergenza di azioni di rafforzamento della collaborazione tra gli attori sociali.
La situazione di crisi sta generando processi di ristrutturazione, riorganizzazione o chiusure di aziende per fronteggiare i quali si ricorre a strumenti, fra i quali, la Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (Cigs).
Proprio a causa della precaria situazione economica, le imprese interessate da interventi di Cigs generalmente non sono in grado di anticiparne il trattamento ai propri lavoratori andando a determinare, così, una difficoltà di carattere finanziario per i lavoratori coinvolti e le loro famiglie.
La BCC di Bellegra ha tra i propri scopi statutari quello di favorire i Soci e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione, l'educazione al risparmio e alla previdenza, nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera. La Banca, inoltre, si distingue per il proprio orientamento sociale e per la scelta di costruire il bene comune.
In collaborazione con le Organizzazioni Sindacali nel dichiararsi disponibili a diffondere l’iniziativa anche ad altri istituti di credito (BCC – CRA e ABI) e sigle sindacali nazionali, è stata pertanto studiata la possibilità di intervenire con forme di anticipazione del trattamento economico che il lavoratore vanta nei confronti dell’Inps, da parte della banca.
La convenzione ha per oggetto la concessione di credito a lavoratori dipendenti, residenti nel territorio di competenza della Banca, in cassa integrazione guadagni straordinaria, e/o in deroga.
La procedura per accedere alla convenzione è la seguente: individuati, d’intesa con le Organizzazioni Sindacali, i lavoratori interessati al servizio, la Banca concederà, a condizioni agevolate e limitatamente al periodo di attesa dell’integrazione salariale, una disponibilità finanziaria mensile al lavoratore secondo quanto previsto nella Convenzione Nazionale, a nome del quale verrà aperto un apposito conto corrente di prelevamento e rimborso dedicato all’iniziativa.
La Banca si impegna ad applicare quanto previsto dalla Convenzione Nazionale, ferma restando la propria piena autonomia nella valutazione circa la sussistenza delle condizioni di merito creditizio per l’apertura di credito in conto corrente.
La Banca fornirà alle Organizzazioni Sindacali la rendicontazione delle aperture di credito in conto corrente concesse ai lavoratori in Cigs e Cigsd.
L’anticipazione dell’indennità spettante avverrà tramite l’apertura di credito in conto corrente apposito, se richiesto dalla Banca, con disponibilità crescente per frazioni mensili, per un max di sette, ognuna non superiore all’80% della retribuzione percepita in servizio al netto degli oneri sociali e fiscali (max. 900,00€ mensili) per un importo complessivo non superiore a 6.000,00€.
L’apertura di credito cesserà con il versamento da parte dell’INPS dell’indennità Cigs e/o Cigsd – che avrà effetto solutorio del debito maturato ovvero all’esito negativo del relativo iter amministrativo – e, comunque, non potrà avere durata superiore a sette mesi.
In caso di mancato accoglimento della richiesta di integrazione salariale straordinaria, ovvero del suo pagamento diretto, la Banca potrà richiedere l’importo dell’intero debito relativo all’anticipazione al lavoratore che provvederà ad estinguerlo entro quindici giorni dalla richiesta. In caso di inadempimento del lavoratore, la Banca potrà richiedere l’importo al datore di lavoro responsabile in solido, che provvederà entro quindici giorni. In caso di intervento del datore di lavoro quale responsabile in solido, l’intero debito refuso dal datore di lavoro costituirà anticipazione del trattamento economico complessivamente dovuto dal datore di lavoro al/la lavoratore stesso.
La presente Convenzione scade il primo Agosto 2012. In caso di proroga della presente Convenzione, la Banca aderente avrà facoltà di comunicare in qualunque momento la propria decisione di revocare l’adesione, sempre fermo restando il completamento delle anticipazioni già in atto.



Download